IRC Messina

Ufficio Insegnamento Religione Cattolica – Messina

Category: Corsi di Aggiornamento

Conclusione Corso di aggiornamento 2017/2018

Corso di aggiornamento per Docenti di Religione Cattolica

«L’IdR nella scuola “delle competenze”»

L’identità dell’insegnante di Religione e dell’IRC nella scuola d’oggi

Si è concluso il corso di aggiornamento e formazione dell’a.s. 2017/2018 per i docenti di Religione Cattolica in servizio nelle scuole di ogni ordine e grado statali e paritarie presenti nel territorio dell’Arcidiocesi di Messina – Lipari – S. Lucia del Mela.

Il corso – organizzato dall’Ufficio Insegnamento Religione Cattolica con la collaborazione della Scuola Diocesana per la Formazione Teologica di Base “S. Luca Archimandrita” – ha inteso offrire ai partecipanti una qualificata offerta formativa e in particolare un approfondimento su tematiche inerenti l’Insegnamento della Religione Cattolica nella scuola di oggi. L’accento è stato posto sulle caratteristiche identitarie della professionalità dell’insegnante di Religione come educatore in grado di coniugare emergenza educativa e prassi didattica.

La tematica del corso – fornendo conoscenze e strumenti concettuali volti a formare competenze nella progettualità educativa e didattica – ha avuto come finalità il raggiungimento di una più proficua ed efficace azione pedagogica dei docenti incrementandone la capacità nella progettazione di percorsi di IRC rilevanti per gli alunni e coerenti con i principi dell’istruzione e della formazione. In particolare si è rivolta attenzione ai seguenti aspetti: definire il quadro normativo che delimita e orienta l’IRC; richiamare il profilo professionale dell’IdR; approfondire le competenze necessarie al docente di IRC per progettare e realizzare percorsi formativi orientati allo sviluppo di competenze; elaborare nuovi modi di organizzare la disciplina dell’IRC al fine di motivare gli allievi verso un apprendimento significativo, curando la sfera cognitiva, affettiva, corporea; confrontare la propria esperienza di insegnamento con metodologie didattiche innovative; riflettere sui nuovi linguaggi proposti dal contesto culturale odierno e confrontarli con il linguaggio dell’ IRC; infine realizzare attraverso il confronto uno stile di lavoro laboratoriale.

L’esperienza formativa offerta dal corso di quest’anno, dunque, ha voluto chiaramente favorire nello specifico l’acquisizione di conoscenze e abilità utili ad agevolare un dialogo ed un confronto aperti e costruttivi per promuovere nella scuola progetti educativi attenti e rispettosi della formazione integrale dell’alunno.

Il corso, che è stato seguito da circa trecento docenti, è stato articolato in tre incontri: nel primo, che ha avuto luogo nell’intera giornata di sabato 28 ottobre, è stato sviluppato il tema del corso di quest’anno L’IdR nella scuola “delle competenze”, focalizzando l’attenzione su L’identità dell’insegnante di Religione e dell’IRC nella scuola di oggi; il tema è stato affrontato da angolature differenti sia dal prof. Nicola Incampo che dalla prof.ssa Barbara Condorelli. Nel secondo, svoltosi il 27 febbraio, è stato presentato il tema Commemorazione del pio transito di San Luca Archimandrita; sono intervenuti S.E. Mons. Giorgio Demetrio Gallaro, Eparca di Piana degli Albanesi, e don Roberto Romeo, direttore della FOTEBA. Nell’incontro di sabato 14 aprile si è svolta una lezione su La Teologia dell’icona nel Pantokrator absidale della Basilica Cattedrale di Messina ad opera dell’Archimandrita Rinaldo Iacopino e di don Roberto Romeo, direttore della FOTEBA.

prof. Giorgio Infantino

Corso di aggiornamento per docenti di Religione Cattolica 2017/2018

Terza Tappa
Basilica Cattedrale – Messina
Sabato, 14 Aprile 2018 – ore 16.30

Corso di aggiornamento per docenti di Religione Cattolica 2017/2018

Seconda Tappa
Istituto IgnatianumMessina
Martedì, 27 Febbraio 2018 – ore 16.00

Corso di formazione annuale sulla progettazione didattica per competenze 2017/2018

«L’IdR nella scuola “delle competenze”»
L’identità dell’insegnante di religione e dell’IRC nella scuola oggi

PRIMO INCONTRO – Sabato 28 ottobre – ore 9.00

Obiettivi Generali

  • Definire il quadro normativo che delimita e orienta l’IRC;
  • Richiamare il profilo professionale dell’IdR;
  • Approfondire le competenze necessarie al docente di IRC per progettare e realizzare percorsi formativi orientati allo sviluppo di competenze;
  • Sviluppare una valida progettualità educativa e didattica;
  • Elaborare nuovi modi di organizzare la disciplina dell’IRC al fine di motivare gli allievi verso un apprendimento significativo, curando la sfera cognitiva, affettiva, corporea;
  • Confrontare la propria esperienza di insegnamento con metodologie didattiche innovative;
  • Riflettere sui nuovi linguaggi proposti dal contesto culturale odierno e confrontarli con il linguaggio dell’IRC;
  • Realizzare lo stile di lavoro laboratoriale, attraverso il confronto.
Incontro: Aula Magna del Seminario Arcivescovile di Messina (Incontro in  presenza)
Tematica: L’IdR nella scuola “delle competenze”
Destinatari: Docenti di Scuola Primaria e Scuola dell’Infanzia(Aula Magna), Docenti di Scuola Secondaria di primo e secondo grado (Aula Mons. Fasola).
Data: Sabato 28 Ottobre 2017 ore 9:00.
Relatori: Prof. Nicola Incampo, Prof.ssa Barbara Condorelli

N.B.: La quota di partecipazione per l’intero Corso è di 30 € da versare all’atto dell’iscrizione nel primo incontro.

N.B.: Nell’ambito della giornata di sabato 28 ottobre sono previsti 2 coffeebreak, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio. IL PRANZO SARÀ AL SACCO A CURA DEI PARTECIPANTI.

ATTRIBUZIONE DEL PUNTEGGIO

Ai fini della graduatoria diocesana, verrà attribuito il seguente punteggio:

·      1 punto per l’intera giornata di SABATO 28 ottobre.

·      0.5 punti per la presenza ad ognuno degli incontri successivi. 

Relatori

Prof. Nicola INCAMPO – Docente di Religione – Direttore dell’Ufficio IRC della Diocesi di Tricarico (Mt) – Responsabile regionale IRC della Basilicata – Responsabile dell’area IRC del sito www.culturacattolica.it – Componente della Consulta nazione per l’IRC – Componente della Consulta nazionale per la pastorale scolastica – Esperto della CEI per l’IRC.

Prof.ssa Barbara CONDORELLI – Docente di Religione – Vice Direttore dell’Ufficio IRC della Diocesi di Acireale (Ct) – Direttore del Coordinamento Regionale IRC della Sicilia.

 


Gruppo di progettazione

Mons. Michele Giacoppo–Direttore dell’Ufficio I.R.C.

Prof. Don Roberto Romeo – Direttore della Scuola Diocesana per la Formazione Teologica di Base “San Luca Archimandrita”

Prof. Giorgio Infantino –Referente per la formazione degli I.d.R. del Coordinamento Regionale CESi

Prof.ssa Palma Milazzo
Prof.ssa Suor Susanna Paparone
Prof.ssa Suor Marianna Schiavone

 

Corso di aggiornamento per docenti di Religione Cattolica – Anno Formativo 2016/2017

«L’insegnamento della Religione Cattolica
tra
sfida ed emergenza educativa»

per i docenti specialisti di Religione Cattolica

in servizio nelle scuole di ogni ordine e grado

1.  Finalità del Corso

L’Ufficio Insegnamento di Religione Cattolica della nostra Arcidiocesi propone un Corso di aggiornamento per gli insegnanti specialisti di Religione Cattolica, in servizio nelle scuole di ogni ordine e grado, sul tema: “L’Insegnamento della Religione Cattolica tra sfida ed emergenza educativa”.

La Finalità del Corso è quella di riflettere e confrontarsi su questioni inerenti alla scuola e all’educazione delle giovani generazioni, in un momento storico assai particolare, in cui tutte le agenzie educative, in sinergia tra loro, hanno il compito di adoperarsi per la crescita del senso di responsabilità dei giovani.

Ai giovani di oggi vengono riconosciute enormi libertà, ma la crescita, talvolta, non corrisponde alla maturazione e alla responsabilità. Aumentano le aspettative nei loro confronti, ma diminuiscono le opportunità di inserimento stabile nel mondo del lavoro e nella vita pubblica. Da qui una gigantesca solitudine che deriva da una grande sproporzione tra aspettative e quotidianità. Il risultato finale è l’incomunicabilità, perché il mondo delle relazioni si è ristretto emotivamente e sullo sfondo appaiono sempre più adulti egoisti e lontani dalle giovani generazioni.

Urge, dunque, comprendere le cause della incomunicabilità emotiva tra le generazioni, ed, essendo troppo fragile la comunicazione emotiva nella famiglia e nella scuola, occorre avviare veri e propri percorsi formativi per apprendere a comunicare.

Da quanto detto, sorgono spontanei i seguenti interrogativi: quale il contributo dell’IdR e quale l’apporto dell’IRC nella scuola?

2Obiettivi e contenuti

Obiettivi:

  • Raggiungere gli obiettivi di Lisbona, mettendo la scuola, la formazione e l’educazione in cima all’agenda politica, investendo massicciamente in capitale umano.

  • Realizzare una scuola accogliente, aperta di mattina e di pomeriggio, con docenti esperti in dinamiche relazionali.

  • Puntare su un nuovo modello di scuola più flessibile nel curricolo, più ricca di strumenti tecnologici e con insegnanti professionisti.

  • Curare la sfera cognitiva, affettiva, corporea.

Contenuti:

  • Idoneità all’insegnamento dell’IRC: i canoni 804 e 805 del Codice di diritto canonico.

  • La spiritualità dell’IdR e l’appartenenza ecclesiale.

  • Professionalità docente e competenze didattiche e relazionali.

  • La scuola e l’IRC. Impegni per gli IdR e prospettive per l’IRC: valutazione, certificazione delle competenze, nuove indicazioni.

3. Metodologia

Il corso sarà caratterizzato dalle relazioni in aula, dal dibattito in assemblea e dal lavoro nei gruppi. Il confronto sui temi indicati sarà utile per individuare strategie didattiche efficaci, per definire i bisogni formativi dei docenti e degli alunni, per condividere e diffondere le buone pratiche.

4. Destinatari del Corso

Destinatari del Corso sono i docenti di religione cattolica in servizio nelle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di I e di II grado; essi sono chiamati a riflettere sul contributo che l’IRC è chiamato a dare in un periodo in cui l’educazione delle giovani generazioni risulta essere un sfida e una emergenza.

Docenti di religione cattolica:

  • PRIMO GRUPPO: Docenti di Scuola Primaria e Scuola dell’infanzia;

  • SECONDO GRUPPO: Docenti di Scuola Secondaria di primo e secondo grado.

La partecipazione è prevista nell’ambito delle attività di formazione in servizio.

L’intero Corso è strutturato in 3 tappe.

Ai partecipanti verrà attribuito il seguente punteggio:

1 punto per l’intera giornata del Giovedì 10 o Venerdì 11 novembre 2016;

1 punto per un totale di 1/2 presenze previste per gli incontri successivi.

La quota di partecipazione per l’intero Corso è di 35 € da versare all’atto dell’iscrizione nel

primo incontro (la quota comprende anche il pranzo del 10 o dell’ 11 novembre).

5. Valutazione

La valutazione del Corso consiste in una discussione finale nella quale i docenti esprimeranno le loro opinioni sui vari aspetti relativi al percorso realizzato: i temi trattati, l’efficacia delle attività seminariali e laboratoriali, la gestione dei tempi e dei luoghi in cui si è svolto il corso stesso.

6. Luogo e data

  • Prima tappa

Il primo incontro, con il Docente esperto, avrà luogo a Messina presso LAULA MAGNA DEL SEMINARIO ARCIVESCOVILE:

  • Primo gruppo: Giovedì 10 novembre2016→ Docenti di Scuola Primaria e Scuola dell’infanzia;

  • Secondo gruppo: Venerdì 11 novembre2016→ Docenti di Scuola Secondaria di primo e secondo grado.

7. Tappe conclusive*

  • SECONDA TAPPA NEL PERIODO QUARESIMALE: INCONTRO/VERIFICA. VENERDÌ 3 MARZO 2017
CONOSCEREMO IL CARISMA DELLE SUORE DEL BELLAMORE C/O LA CHIESADISAN FRANCESCODEI MERCANTI –
VIA SANTAGOSTINO, 19– MESSINA
  • Terza tappa

Laboratorio unico. IRC e cultura del territorio. FORTE SAN JACHIDDU – Messina

Venerdì 5 maggio 2017

*Ulteriori indicazioni saranno tempestivamente comunicate sul sito dell’Ufficio IRC:

www.ircmessina.it

8. Strumenti

Lezioni interattive

Attività laboratoriali

9. Docenti

Prof. Nicola INCAMPO – Docente di Religione – Direttore dell’Ufficio IRC della Diocesi di Tricarico (Mt) – Responsabile regionale IRC della Basilicata – Responsabile dell’area IRC del sito www.culturacattolica.it– Componente della Consulta nazione per l’IRC – Componente della Consulta nazionale per la pastorale scolastica – Esperto della CEI per l’IRC.

Gruppo di progettazione:

Mons. Michele Giacoppo– Direttore dell’Ufficio I.R.C.

Prof. Giorgio Infantino – Referente per la formazione del Coordinamento Regionale CESi

Prof.ssa Paparone Suor Susanna

Prof.ssa Schiavone Suor Marianna

Prof.ssa Milazzo Palma

Corso di aggiornamento per docenti di Religione Cattolica – Anno Formativo 2015/2016

«I concetti creano gli idoli. Solo lo stupore conosce»
L’ IRC come cammino di conoscenza

Prima tappa: l’itinerario del senso religioso

INTRODUZIONE

Nell’attuale contesto in cui viviamo, l’IRC non può limitarsi alla semplice trasmissione di un corretto e fondamentale patrimonio di dottrine e di principi etici, pena sarebbe la sua progressiva emarginazione culturale e didattica. Come scriveva l’allora Card. Ratzinger: «Il crollo di antiche sicurezze religiose, che settant’anni addietro sembravano ancora reggere… è diventato un fatto compiuto» e quindi «diviene più forte e generalizzato il timore che questo porti inevitabilmente a un collasso del senso di umanità tout court». Bisogna proporre, quindi, ai nostri studenti un cammino che possa aiutarli innanzitutto a prendere coscienza di quelle evidenze originarie dell’umano e della realtà che oggi sembrano crollate e, successivamente, della risposta che l’avvenimento cristiano rappresenta. Un percorso di conoscenza, dunque, attraverso il metodo dell’esperienza cioè del paragone continuo con la realtà in cui lo stesso insegnante è coinvolto con i suoi allievi.

Come è possibile articolare un percorso di questo tipo? Quali aspetti metodologici e didattici tener presente? 

1. Obiettivi e contenuti

 Obiettivi:

  • Comprendere il metodo dell’esperienza ed imparare a viverlo con i propri allievi.
  • Saper elaborare un percorso didattico e delle UDA che, attraverso il metodo dell’esperienza, possano giungere alla scoperta delle evidenze ed esigenze originarie della persona.

Contenuti:

  • La società liquida e il crollo delle evidenze.
  • Il metodo dell’esperienza e la conoscenza affettiva.
  • Partire dall’io in azione: cosa vuol dire?
  • Le domande religiose, cioè ultime, si destano nel rapporto con la realtà.
  • Lo stupore, origine della conoscenza.
  • Dallo stupore alla scoperta dell’ordine, dell’armonia e del carattere provvidenziale della realtà. Il mondo come segno di un “Tu”.
  • L’uomo come desiderio e rapporto.
  • La scoperta della domanda come domanda di felicità.

2. Metodologia

 Lo strumento fondamentale dellincontro formativo saràla lezione interattiva, per garantire il dialogo e le diverse riflessioni sulle proprie esperienze lavorative dentro la processualitàdellapprendere.

3. Destinatari del Corso

 Docenti di religione cattolica: 

  •  PRIMO GRUPPO: Docenti di Scuola Primaria e Scuola dell’infanzia;
  •  SECONDO GRUPPO: Docenti di Scuola Secondaria di primo e secondo grado.

La partecipazione è prevista nellambito delle attività di formazione in servizio.

Lintero Corso è strutturato in 3 tappe

Ai partecipanti verrà attribuito il seguente punteggio

1 punto per lintera giornata del GIOVEDÌ5 o VENERDÌ6 novembre 2015

1 punto per un totale di 1/2  presenze previste per gli incontri successivi.

La quota di partecipazione per lintero Corso èdi 35 € da versare allatto delliscrizione nel primo incontro (la quota comprende anche il pranzo del 5 o del 6 novembre).

4. Luogo e data

  • Prima tappa

Il primo incontro, con i Docenti esperti, avrà luogo a Messina presso LAULA MAGNA DEL SEMINARIO ARCIVESCOVILE  – 

  • Primo gruppo: GIOVEDÌ5 novembre 2015       →  Docenti di Scuola Primaria e Scuola dell’infanzia;
  • Secondo gruppo: VENERDÌ6 novembre 2015  →  Docenti di Scuola Secondaria di primo e secondo grado.

5. Tappe conclusive*

  • Seconda tappa nel periodo quaresimale: incontro/verifica. Venerdì, 12 Febbraio 2016  C/O ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DEL SACRO CUORE – Via Umberto I, 504 – Roccalumera (Me)
  • Terza tappa Laboratorio unico. IRC e cultura del territorio. ITINERARIO GIUBILARE: 26 aprile 2016

Ulteriori indicazioni saranno tempestivamente comunicate sul sito dellUfficio IRC:  

www.ircmessina.it

 6. Strumenti

 Lezioni interattive

Attivitàlaboratoriali

 7. Docenti

  •  Prof.  Roberto CECCARELLI – Docente di Religione – Cassino (Fr)

Responsabile  di DIESSE “Le Botteghe dell’Insegnare” (BO)

Gruppo di progettazione:

 

Don Giuseppe Lo Presti  – Direttore dell’Ufficio I.R.C.

Prof. Giorgio Infantino – Referente per la formazione del Coordinamento Regionale CESi

Prof.ssa Milazzo Palma 

Prof.ssa Paparone Suor Susanna 

Prof.ssa Schiavone Suor Marianna 

Dott.ssa Ivana Cucè –   Segretaria dell’Ufficio I.R.C.

Corso di aggiornamento per docenti di Religione Cattolica – Anno Formativo 2014/2015

«L’educazione è la strada: come educare la libertà»

L’Insegnamento di Religione è un compito che rende affascinante

«l’avventura della conoscenza» del Significato del vivere

INTRODUZIONE

Oggi, “l’emergenza educativa” chiede un cambiamento radicale alla concezione della professionalità docente. Siamo di fronte ad una sfida epocale: ricostruire l’umano, cioè ridare all’«io» di ogni uomo la coscienza della propria grandezza.

Dice C. Peguy, grande scrittore francese della prima metà del novecento: “La crisi dell’insegnamento non è crisi di insegnamento, è crisi di vita”. In questo contesto la strada per introdurre l’uomo alla scoperta della realtà tutta intera è l’educazione della sua libertà. In tal senso, la conoscenza diventa una conquista, cioè un’avventura in cui il protagonista è il desiderio d’infinito che ogni uomo porta inscritto nel cuore. Questa positività può fiorire solo dentro un rapporto educativo in cui l’insegnante, il genitore o comunque l’adulto comunica la propria esperienza di conquista del vero. Un adulto: è tale colui che non rinuncia a prendere sul serio le proprie esigenze di verità, di bellezza, di giustizia, il suo desiderio di amare ed essere amato. Così Papa Francesco si è rivolto al mondo della scuola il dieci maggio a Roma: “Andare a scuola significa aprire la mente e il cuore alla realtà, nella ricchezza dei suoi aspetti, delle sue dimensioni”.

1. Obiettivi e contenuti

Obiettivi:

  • Prendere coscienza della natura e dello scopo dell’insegnamento della Religione in rapporto al contesto scolastico in cui ci si trova ad operare.

  • Far emergere l’esperienza del proprio lavoro in sintonia con il compito affidato.

  • Riflettere sul significato della formulazione di una proposta chiara attraverso la programmazione didattica.

Contenuti:

  • Che cosa accade nell’ora di Religione.

  • Insegnare Religione significa far scoprire il volto buono del Mistero dentro la realtà.

  • Come educare il senso religioso nei vari livelli di scuola.

  • Ipotesi di programmazione di un percorso completo.

  • Verifica e valutazione.

2. Metodologia

Lo strumento fondamentale dell’incontro formativo sarà la lezione interattiva, per garantire il dialogo e le diverse riflessioni sulle proprie esperienze lavorative dentro la processualità dell’apprendere.

3. Destinatati del Corso

Docenti di religione cattolica:

  • PRIMO GRUPPO: Docenti di Scuola Primaria e Scuola dell’infanzia;

  • SECONDO GRUPPO: Docenti di Scuola Secondaria di primo e secondo grado.

La partecipazione è prevista nell’ambito delle attività di formazione in servizio.

 L’intero Corso è strutturato in 4 tappe.

 Ai partecipanti verrà attribuito il seguente punteggio:

 1 punto per l’intera giornata del GIOVEDÌ 4 o VENERDÌ 5 dicembre 2014;

 1 punto per un totale di 2/3 presenze previste per gli incontri successivi.

La quota di partecipazione per l’intero Corso è di 35 € da versare all’atto dell’iscrizione nel primo incontro (la quota comprende anche il pranzo del 4 o del 5 dicembre).

4. Luogo e data

  • Prima tappa

Il primo incontro, con i Docenti esperti, avrà luogo a Messina presso LAULA MAGNA DEL SEMINARIO ARCIVESCOVILE –

  • Primo gruppo: GIOVEDÌ 4 DICEMBRE 2014→ Docenti di Scuola Primaria e Scuola dell’infanzia;

  • Secondo gruppo: VENERDÌ 5 DICEMBRE 2014→ Docenti di Scuola Secondaria di primo e secondo grado.

5. Tappe conclusive*

  • Seconda tappa nel periodo quaresimale: incontro/verifica.

  • Terza e Quarta tappa

Laboratorio unico. IRC e cultura del territorio. Descrizione generale della Zona Falcata di Messina:

  • nella terza tappa: La Madonna del porto – Resti basiliani;

  • nella quarta tappa: Lanterna del Montorsoli – L’area della Real Cittadella.

Le tappe conclusive saranno tempestivamente comunicate sul sito dell’Ufficio IRC:

www.ircmessina.it

6. Strumenti 

Lezioni interattive

Attività laboratoriali

7. Docenti

  1. Prof.ssa Almerina Bonvecchi – Docente di Religione e Dirigente Scolastico – Perugia, Responsabile di DIESSE “Le Botteghe dell’Insegnare” (BO)

Gruppo di progettazione:

Don Giuseppe Lo Presti – Direttore dell’Ufficio I.R.C.

Prof. Giorgio Infantino – Referente per la formazione del Coordinamento Regionale CESi

Prof.ssa Milazzo Palma

Prof. Falletta Fratel Francesco

Prof.ssa Paparone Suor Susanna

Prof.ssa Schiavone Suor Marianna

Dott.ssa Ivana Cucè – Segretaria dell’Ufficio I.R.C.

Corso di aggiornamento per docenti di Religione Cattolica – Anno Formativo 2013/2014

Identità professionale e “mission” dell’ I.d.R.

Introduzione

Le ragioni di una riflessione intorno all’educare oggi si condensano con particolare insistenza attorno all’identità professionale, dunque attorno all’intenzionalità e alla responsabilità con cui si interpreta la propria professione. In una società che cambia e disorienta, che appare priva di forma, diventa rilevante non tanto capire cosa sapere o cosa fare, quanto capire chi essere, provando, appunto, a dar forma dentro il proprio lavoro alle proprie motivazioni, passioni, desideri. La dimensione del sapere non può essere scissa dalla qualità del lavoro, e il presidio della qualità passa attraverso la ricostruzione della cultura etica della professione: professare – da pro/fiteor-, è in primo luogo la responsabile risposta ad una chiamata interiore a essere utili alla società, per contribuire alla costruzione del bene comune. Dietro l’identità professionale quali principi etici si trovano? Come esplicitarli e riconoscerli dentro le proprie azioni? In che modo regolano le buone prassi? Il pensiero sull’identità e le motivazioni profonde dell’Insegnante di Religione, un “Maestro” che avvalora la mission della scuola di oggi, nutrono la consapevolezza della propria chiamata, per risignificarla e viverla con passione. L’educare si commisura perciò con la fatica di abitare le contraddizioni di questa nostra società, ma anche con la chiarezza evidente, certa, della propria mission, cioè della sua ragion d’essere e della sua riconoscibilità, e della propria vision, cioè della realtà che ci si attende di costruire. Chiarire la propria mission e vision, riferirsi ad un sistema di valori, rende evidente ciò che siamo, cosa sentiamo, cosa possiamo concretamente fare nel presente, ciò che costruiremo nel futuro, ispirati e rinvigoriti dai nostri stessi ideali.

  • Obiettivi e contenuti
    • Attivare delle riflessioni sulla propria esperienza professionale per rileggere mission e vision, e rintracciare l’impegno culturale di un significato etico condiviso che inizia nei contesti educativi ed è capace di rileggere i valori della vita.
    • Approfondire il difficile compito del trasmettere i valori dentro la relazione educativa.
Questi i contenuti:
  • Identità professionale e mission. L’insegnante di religione “maestro” di vita.
  • Dell’Etica e dell’Educare… desideri, significati, valori.
  • L’identità professionale e la dimensione etica della cura educativa.
  • Missione e mandato ecclesiale.
  • Metodologia

Lo strumento fondamentale dell’incontro formativo sarà la lezione interattiva, per garantire il dialogo e le diverse riflessioni sulle proprie esperienze lavorative dentro la processualità dell’apprendere.

  • Destinatari del Corso

Docenti di religione cattolica, di ogni ordine e grado.

La partecipazione è prevista nell’ambito delle attività di formazione in servizio.

L’intero Corso è strutturato in 4 tappe.

Ai partecipanti verrà attribuito il seguente punteggio:

1 punto per l’intera giornata del martedì 3 dicembre 2013;

1 punto per un totale di 2/3 presenze previste per gli incontri successivi.

La quota di partecipazione per l’intero Corso è di 35 € da versare all’atto dell’iscrizione nel primo incontro (la quota comprende anche il pranzo del 3 dicembre).

  • Luogo e data

Prima tappa

Il primo incontro, con i Docenti esperti, avrà luogo a Messina presso L’AULA MAGNA DEL SEMINARIO ARCIVESCOVILE – MARTEDÌ 3 DICEMBRE 2013

  • Tappe conclusive*

Seconda tappa – nel periodo quaresimale: incontro/verifica (mercoledì 12 marzo 2014)

Terza tappa  Laboratorio unico: L’IRC nel mondo della comunicazione.

Quarta tappa  Laboratorio unico. IRC e cultura del territorio: Itinerario culturale al Museo regionale di Messina. IRC e comunicazione religiosa nell’arte.

*saranno tempestivamente comunicate attraverso il sitodell’Ufficio IRC: www.ircmessina.it

  • Strumenti

Lezioni interattive

Attività laboratoriali

  • Docenti
    • Dott.ssa Maria Grazia Castorina – Psicologo/Psicoterapeuta ― Tribunale dei minori di Messina
    • Mons. Pietro Aliquò

Corso di aggiornamento per docenti di Religione Cattolica – Anno Formativo 2012/2013

Viaggio dentro la didattica. 
Il docente di religione incontra i contesti educativi

  • Obiettivi e contenuti 

Riflettere sulla didattica per ri/orientare relazioni e capacità comunicativa dentro il contesto scuola e per attivare connessioni all’esterno con altri contesti educativi, ad esempio le famiglie, centrali nella vita dei bambini e dei ragazzi.Consentire una lettura critica dei fenomeni da studiare e dei disagi da accogliere, da lavorare, da trattare nei contesti educativi.Esplicitare e condividere significati intorno ai processi evolutivi attivati dentro le relazioni e i contesti, con riferimento alla propria realtà esperienziale e professionale, e alle esperienze del cambiamento e della crescita dell’altro.

  • Metodologia

Intesa come percorso in fieri, interattivo, la metodologia formativa garantirà il lavoro dentro la processualità dell’apprendere, affinché le diverse esperienze di ogni docente possano essere valorizzate nella loro diversità, rivisitate e interrogate. L’uso di strumenti quali lezioni interattive, attivazioni e momenti laboratoriali, vanno proprio in questa direzione.

  • Luogo e data

Gli incontri, con il Docente esperto, avranno luogo a Messina presso l’aula magna del Seminario Arcivescovile e seguiranno il seguente calendario:Primo incontro   Venerdì 26 ottobre ― Ore 15.30/19.30

Identità professionale e contesti educativi: il confronto con la complessità dei bisogni dei ragazzi, del gruppo di lavoro e dell’organizzazione.

L’agito professionale nella quotidianità e dentro il gruppo di lavoro. Appartenenze, condivisioni, capacità di sostegno reciproco.

I percorsi dei ragazzi dentro i processi di analisi. Proposte di riflessione.

Intertempo

Nel tempo tra i due incontri occorrerà:

  • avviare i singoli laboratori
  • individuare uno o due casi
  • elaborare le schede di lavoro da parte di tutto il gruppo
  • raccogliere le schede.

Il tutto, a cura di animatori che condurranno i singoli laboratori.

Successivamente ci sarà un incontro di gruppo tra la docente del percorso e gli animatori per la consegna delle schede e per osservazioni che consentano di articolare e comprendere le pluralità delle variabili in gioco e gli elementi di complessità emergenti.

Infine, verrà preparata, da parte della docente del percorso, una restituzione di massima che verrà “interagita” durante il secondo incontro.

Secondo incontro   Venerdì 14  dicembre 2012 ― Ore 15.30/19.30

La riflessione sull’agito professionale e il “sapere della pratica”

I casi come pre/testi. Istanze e dimensioni emergenti

Elaborare le proprie sedimentazioni professionali. Nuove comprensioni dei ragazzi, nuove comprensioni di sé.

Gli incontri di laboratorio si svolgeranno per zona nel seguente calendario:

Vicariati Messina e villaggi
c/o Seminario Arcivescovile

venerdì 23 novembre
venerdì 22 febbraio

Vicariati zona tirrenica
Oratorio salesiano “S. Giovanno Bosco”

lunedì 26 novembre
lunedì 25 febbraio

Vicariati zona ionica
c/o Istituto “S. Maria di Gesù Redentore”

venerdì 30 novembre
venerdì 01 marzo

IRC Messina 2018 - © Tutti i diritti riservati.
Thanks to Wordpress and Lovecraft.