Simposio di Arte, Cultura e Formazione: un Laboratorio di novità
Oltre la Porta …

Martedì 22 novembre alle ore 9.30, presso la Cappella S. Maria all’Arcivescovado di Messina, alla presenza di una platea composta da studenti, docenti e ospiti, ha avuto luogo un Simposio di Arte, Cultura e Formazione, nell’ambito del quale è stato illustrato un binomio tematico: la preghiera alla Vergine di Dante riletta all’interno dell’Annunciata di Antonello da Messina e la presentazione del libro di Giorgio Infantino “Il Giubileo. Evento di riconciliazione” Ed. Intermedia.

L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con l’Ufficio Insegnamento Religione Cattolica della Curia Arcivescovile di Messina, il “Caffè Letterario Verona Trento” e patrocinata dal Coordinamento Regionale per l’IRC della Conferenza Episcopale Siciliana.

Sono intervenuti: Mons. Michele Giacoppo, Direttore dell’Ufficio IRC, che, in rappresentanza dell’Arcivescovo Mons. Luigi Benigno Papa, ha introdotto il tema della manifestazione. Il gesuita P. Felice Scalia, ha messo in risalto alcuni punti salienti del libro di Giorgio Infantino – che contiene anche la prefazione del Card. Francesco Montenegro – proponendo, a conclusione dell’Anno Santo, delle consegne significative e provocatorie, perché ci sia un continuum nel cammino di fede di ogni credente, più attrezzato e irrobustito dall’esperienza giubilare. La Prof.ssa Liliana Barreca, studiosa di Storia dell’Arte, ha esaminato i tratti peculiari dell’Annunciata di Antonello da Messina, illustrandone le valenze spirituali e pedagogiche. La Prof.ssa Emanuela Mangano ha messo in risalto come la “Divina Commedia” tragga la sua ispirazione proprio dal primo Giubileo della Chiesa cattolica indetto da Papa Bonifacio VIII nel 1300: secondo la ricostruzione letteraria più accreditata, infatti, il viaggio immaginario di Dante Alighieri si svolge proprio durante la Settimana Santa di quell’anno.

Nell’ambito di quella cornice contenutistica è stata illustrata e argomentata la rilettura della preghiera alla Vergine, del XXXIII Canto del Paradiso, nell’Annunciata di Antonello da Messina.

Alla manifestazione culturale hanno preso parte anche due alunni dell’Istituto “Verona Trento”: Alessio Donato in qualità di presentatore del Simposio e Manuel Fleri che ha introdotto ed eseguito alcuni brani musicali.

Il Simposio ha voluto rappresentare anche un laboratorio di novità, infatti variegati e differenti sono stati i focus degli interventi proposti, ma tutti convergenti su un unico tema centrale: andare “Oltre la porta”. Quella porta che per un intero anno ha simboleggiato uno dei segni più tangibili e peculiari del Giubileo.