«L’educazione è la strada: come educare la libertà»

L’Insegnamento di Religione è un compito che rende affascinante

«l’avventura della conoscenza» del Significato del vivere

INTRODUZIONE

Oggi, “l’emergenza educativa” chiede un cambiamento radicale alla concezione della professionalità docente. Siamo di fronte ad una sfida epocale: ricostruire l’umano, cioè ridare all’«io» di ogni uomo la coscienza della propria grandezza.

Dice C. Peguy, grande scrittore francese della prima metà del novecento: “La crisi dell’insegnamento non è crisi di insegnamento, è crisi di vita”. In questo contesto la strada per introdurre l’uomo alla scoperta della realtà tutta intera è l’educazione della sua libertà. In tal senso, la conoscenza diventa una conquista, cioè un’avventura in cui il protagonista è il desiderio d’infinito che ogni uomo porta inscritto nel cuore. Questa positività può fiorire solo dentro un rapporto educativo in cui l’insegnante, il genitore o comunque l’adulto comunica la propria esperienza di conquista del vero. Un adulto: è tale colui che non rinuncia a prendere sul serio le proprie esigenze di verità, di bellezza, di giustizia, il suo desiderio di amare ed essere amato. Così Papa Francesco si è rivolto al mondo della scuola il dieci maggio a Roma: “Andare a scuola significa aprire la mente e il cuore alla realtà, nella ricchezza dei suoi aspetti, delle sue dimensioni”.

1. Obiettivi e contenuti

Obiettivi:

  • Prendere coscienza della natura e dello scopo dell’insegnamento della Religione in rapporto al contesto scolastico in cui ci si trova ad operare.

  • Far emergere l’esperienza del proprio lavoro in sintonia con il compito affidato.

  • Riflettere sul significato della formulazione di una proposta chiara attraverso la programmazione didattica.

Contenuti:

  • Che cosa accade nell’ora di Religione.

  • Insegnare Religione significa far scoprire il volto buono del Mistero dentro la realtà.

  • Come educare il senso religioso nei vari livelli di scuola.

  • Ipotesi di programmazione di un percorso completo.

  • Verifica e valutazione.

2. Metodologia

Lo strumento fondamentale dell’incontro formativo sarà la lezione interattiva, per garantire il dialogo e le diverse riflessioni sulle proprie esperienze lavorative dentro la processualità dell’apprendere.

3. Destinatati del Corso

Docenti di religione cattolica:

  • PRIMO GRUPPO: Docenti di Scuola Primaria e Scuola dell’infanzia;

  • SECONDO GRUPPO: Docenti di Scuola Secondaria di primo e secondo grado.

La partecipazione è prevista nell’ambito delle attività di formazione in servizio.

 L’intero Corso è strutturato in 4 tappe.

 Ai partecipanti verrà attribuito il seguente punteggio:

 1 punto per l’intera giornata del GIOVEDÌ 4 o VENERDÌ 5 dicembre 2014;

 1 punto per un totale di 2/3 presenze previste per gli incontri successivi.

La quota di partecipazione per l’intero Corso è di 35 € da versare all’atto dell’iscrizione nel primo incontro (la quota comprende anche il pranzo del 4 o del 5 dicembre).

4. Luogo e data

  • Prima tappa

Il primo incontro, con i Docenti esperti, avrà luogo a Messina presso LAULA MAGNA DEL SEMINARIO ARCIVESCOVILE –

  • Primo gruppo: GIOVEDÌ 4 DICEMBRE 2014→ Docenti di Scuola Primaria e Scuola dell’infanzia;

  • Secondo gruppo: VENERDÌ 5 DICEMBRE 2014→ Docenti di Scuola Secondaria di primo e secondo grado.

5. Tappe conclusive*

  • Seconda tappa nel periodo quaresimale: incontro/verifica.

  • Terza e Quarta tappa

Laboratorio unico. IRC e cultura del territorio. Descrizione generale della Zona Falcata di Messina:

  • nella terza tappa: La Madonna del porto – Resti basiliani;

  • nella quarta tappa: Lanterna del Montorsoli – L’area della Real Cittadella.

Le tappe conclusive saranno tempestivamente comunicate sul sito dell’Ufficio IRC:

www.ircmessina.it

6. Strumenti 

Lezioni interattive

Attività laboratoriali

7. Docenti

  1. Prof.ssa Almerina Bonvecchi – Docente di Religione e Dirigente Scolastico – Perugia, Responsabile di DIESSE “Le Botteghe dell’Insegnare” (BO)

Gruppo di progettazione:

Don Giuseppe Lo Presti – Direttore dell’Ufficio I.R.C.

Prof. Giorgio Infantino – Referente per la formazione del Coordinamento Regionale CESi

Prof.ssa Milazzo Palma

Prof. Falletta Fratel Francesco

Prof.ssa Paparone Suor Susanna

Prof.ssa Schiavone Suor Marianna

Dott.ssa Ivana Cucè – Segretaria dell’Ufficio I.R.C.